IN GUARDIA!

L’avvovato Bussinello (Casapaund) contesta la nomina di Croce

Sulla nomina di Michele Croce a presidente di AGSM mi ero già pronunciato qualche settimana addietro. Era poco prima di Ferragosto, quando mi permisi di scocciarvi sotto l’ombrellone con le mie dissertazioni. Confesso di essermi un po’ sentito come quei quattro (di numero) tifosi del Chievo in trasferta qualche anno fa a Reggio Calabria in un martedì pomeriggio di Coppa Italia (la cosa più inutile del mondo). I Quattro dell’Ave Maria esponevano uno striscione: “SCUSATE, MA NON ABBIAMO UN CAZZO DA FARE” recitava. Ecco, le cose più o meno stanno nella stessa maniera.

Tornando a noi, ribadisco di non serbare alcunchè di personale nei confronti di una persona che non conosco. Ci tenevo a sottolineare e obiettare quanto non mi piacesse che dopo una lunghissima campagna elettorale spesa (anche in esborsi di pecunia) all’insegna della moralizzazione e successivamente sfociata in un misero 5%, l’accorato leader di Verona Pulita avesse rinunciato al seggio di consigliere comunale per pretendere e ottenere dal sindaco Sboarina la carica di presidente della maggior municipalizzata della città. Un questione di opportunità e di merito la mia. Il 5% dei veronesi lo aveva votato quale candidato sindaco o perlomeno per un posto in consiglio comunale, non certo per la poltrona di AGSM. “Se la moralizzazione è questa, stiamo freschi” ho pensato. Più elegantemente possiamo asserire di non trovarci dinanzi ad ammirare un modello di coerenza. A distanza di venti giorni, scopro oggi che la questione non solo tocca un tasto politico, ma c’è di più in quanto assume i tratti una vera e propria legal story.

Oggi pomeriggio l’avvocato Roberto Bussinello, leader di Casapound, in una conferenza stampa tenuta sulla scalinata di Palazzo Barbieri ha denunciato l’irregolarità della nomina di Michele Croce al timone di AGSM. Come noto, Croce eletto consigliere comunale come capofila del suo movimento Verona Pulita, ha presentato le dimissioni alla vigilia della prima riunione consiliare venendo sostituto dal primo dei non eletti della sua lista. Successivamente Croce è stato nominato presidente di AGSM. Seppur per poco Croce è stato tuttavia certificato quale consigliere comunale. Qui sta il punto dell’obiezione di Bussinello. Una sentenza del 19/12/2012 del Consiglio di Stato prevede infatti che con la proclamazione degli eletti si assuma automaticamente la qualifica di consiglieri comunali. Un decreto legislativo del 08/04/2013 sancisce inoltre l’incompatibilità con incarichi alle municipalizzate per i consiglieri comunali che abbiano svolto le proprie funzioni nei due anni precedenti alla loro nomina. La certificazione da parte dell’Ufficio Centrale Elettorale di Michele Croce a consigliere comunale renderebbe quindi di fatto la sua successiva nomina alla presidenza di AGSM irregolare. Avrebbe potuto ricoprirla a due anni dalle proprie dimissioni. Forte di questo, Casapound chiede al neopresidente della municipalizzata più importante della città di fare un passo indietro. In caso contrario, promette di rivolgersi al neonato Assessorato alla Legalità, e in terza istanza al sindaco Sboarina. Non dovesse vedere soddisfatte le proprie richieste, Bussinello si è detto anche pronto a ricorrere all’Autorità Nazionale Anticorruzione, nonchè alla Corte dei Conti. Il programma di Verona Pulita prevedeva l’abolizione dei CDA nelle società municipalizzate. Il movimento capeggiato da Bussinello si spinge oltre chiedendo le dimissioni -“per coerenza con quanto sostenuto in campagna elettorale”- di nominati a incarichi nelle municipalizzate appartenenti o designati dal sodalizio di Croce. Insomma, si solleva un bel polverone.

8213488

Essendo libero da etichette, ho l’abitudine di ascoltare la voce di tutti e rispondere se possibile con la presenza ad un cortese invito. Il mio dovere è quello di raccontare e spiegare come stanno le cose. La verità non è né di sinistra né di destra, ma una sola. Che ognuno poi la manipoli e la strumentalizzi a proprio gusto e piacimento è un malcostume tipicamente italiano. Mi auguro per il bene della città che amo, non sia così anche stavolta. Bussinello e Croce sono entrambi avvocati. Da schermidori del foro salgano ora in pedana. Bussinello lo ha già fatto dando il primo affondo in stoccata. Attendo quindi da Croce parata e risposta. In guardia!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...